venerdì 26 ottobre 2012

Psicogenealogia: E' tutto Ereditario?

Tutto quello che facciamo, mettiamo in atto, sperimentiamo, le nostre azioni, sai che potrebbero già essere state scritte? O meglio hai mai sentito parlare di Psicogenealogia o Costellazioni Famigliari?

Esiste una parte inconscia nel nostro cervello che potrebbe guidare le nostre decisioni e il come affrontiamo certe situazioni, sulla base di una memoria costruita nel tempo e addirittura derivante dalle nostre parentele o dalla famiglia in cui siamo nati.

Ad esempio certe situazioni che abbiamo vissuto, esperienze o anche momenti di difficolta come un forte trauma possono rimanere impresse nel nostro inconscio e condizionare il nostro modo di pensare nonostante noi non ne siamo consciamente a conoscenza.

Hai mai sentito parlare delle così dette polarità primordiali: C'è chi parla di queste come Zivorad Slavinski che le definisce così:

Le polarità primordiali sono delle tendenze, opposte, contrastanti, inconsce e compulsive.

In pratica abbiamo dei comportamenti, come ad esempio può essere il tuo lavoro nel quale ti senti legato a fare e lo continui a fare nonostante non ti soddisfi e continui a farlo comunque nel tempo anche se il tuo desiderio sarebbe un altro.

E' come vivere la nostra vita in un altalena tra le esperienze da noi desiderate e quelle indesiderate.

Ma da dove derivano?

Secondo alcuni sono generate da vite precedenti.
Zivorad Slavinski dice che sono legate a eventi stressanti nella vita attuale, per esempio ho un desiderio e inizio a intraprenderlo per raggiungerlo. Può succedere che il mio desiderio viene frenato, per una questione o l'altra e succede che io lo porti a termine oppure no. Nel caso in cui magari non lo porto a termine e vivo una situazione stressante dove scelgo, comunque io perchè lo vivo, l'essere costretto ad essere sconfitto, ma succede che quel desideri comunque rimane non realizzato e prima o poi ricompare.

Mi sono lasciato sconfiggere, prima o poi il desiderio ricomparirà, ma poi può succedere che ricomparga  qualcosa nel percorso che mi riporta a vivere una situazione di sconfitta come la precedente.

Come una altalena va e viene.


Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: L'Eredità più Nascosta


Quello che scrivono in questo libro in pratica racconta come il nostro destino possa essere concretamente determinato dalla storia psicologica delle persone che ci hanno preceduto. Questo fin gli antichi lo sostenevano. Sostengono che a differenza di medici tradizionali esiste il così detto guaritore che conosce una cosa che il medico ignora, la genealogia e le sue leggi compreso il rapporto con i precedentori e quello che essi possano aver passato.

Potrebbe essere utile andare a fare una ricostruzione dell'albero genealogico; questa ricostituzione può iniziare in modo molto semplice. Come spiega un sito di psicogenea­logia (psychogéné. corri):  

«In linea generale, per lavorare alla storia familiare non è necessario avere fatto delle ricerche ge­nealogiche. Ognuno porta ciò che sa. Anche le poche infor­mazioni raccolte possono essere sufficienti per identificare il presente e iniziare il lavoro. Poi, nella maggior parte dei casi, arriveranno altre informazioni spesso in modo inatteso e sor­prendente. La cosa importante è capire che, a partire dal mo­mento in cui si inizia un percorso psicogenealogico, si attiva una forma di memoria che attraverso le epoche e gli eventi può evocare un ricordo a cui la coscienza dà significato»

Spero quello che ho scritto ti faccia scattare qualcosa o comunque ti dia gli spunti per qualcosa che possa migliorare la tua vita.
Un abbraccio,

Nessun commento:

Posta un commento